Presidente Blanga

Quest’anno si è tenuta proprio a Venezia, dal 16 al 20 maggio scorso, la 46esima assemblea annuale dell’INSCA (International Natural Sausage Casing Association). INSCA associa 200 aziende dedite alla lavorazione di budello naturale, operative in tutto il mondo. Nata nel 1965 negli Usa su iniziativa di alcuni produttori americani, oggi ha la segreteria operativa ad Alessandria d’Egitto. Il supporto organizzativo ad INSCA per la preparazione dell’assemblea è stato dato da entrambe le associazioni di categoria nazionali, il Consorzio di Tutela del Budello Naturale ed il Gruppo Involucri Naturali di Aiipa.

Il Welcoming Party è stato allietato dalla degustazione di un’ampia varietà di salumi tipici italiani in budello naturale: dal Capocollo Napoli del salumificio ICS a due versioni di Sopressa Vicentina del salumificio Micad, la Dop e quella con il filetto, dal salame di Mora Romagnola dell’Agricola Zavoli, alla Mortadella del Salumificio BBS, dal Capocollo di Martina Franca “Presidio Slow Food” del Salumificio Santoro, al Salame “Consorzio Mantovano” del Salumificio Merlotti.

Avviati i lavori dell’Assemblea Generale, sono stati approvazione i bilanci e il presidente uscente David. F. Blanga, italiano, è stato riconfermato per un ulteriore triennio; sono poi intervenuti anche due ospiti.

Il primo è stato Valerio Giaccone, professore ordinario di “Ispezione e controllo dei prodotti alimentari di origine animale” all’Università degli Studi


Leggi il resto…